Coccoli” deriva dalla parola coccola che è il frutto dei cipressi. A Firenze sono famosi. Friggere è tipico della Toscana ed ogni località ha nomi ed usanze diverse. In Versilia, per esempio, si chiamano “sgabei” perchè li friggono in maniera irregolare, con il gambo a guisa di becco, a Prato “ficattole“. I nonni li chiamano sommommoli dal nome di sommommo, cioè un boccone con la forma di cazzotto! Se la pasta di pane viene stesa con il matterello e poi viene tagliata a rombi, prendono il nome di crescentine. A Bari sono irregolari e si chiamano popizze e si trovano in tutti i panifici dislocati ad ogni isolato.

Porzioni: 4

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di riposo: 2 ore

Tempo di cottura: 30 minuti

Difficoltà: media

Servire caldo

Consigli per la frittura

E’ consigliabile l’olio di semi di arachide perché il suo sapore non prevale sul cibo che friggiamo.
La quantità di olio deve essere tale da ricoprire gli alimenti da friggere. Poco olio rende la frittura più unta.
La quantità di cibo da friggere di volta in volta non deve mai essere eccessiva e sovrapporsi per evitare che si attacchi e che raffreddi eccessivamente l’olio ritardando i tempi di cottura e rendendo più unta la frittura.
Devono formarsi tante bollicine attorno ai cibi in padella mentre friggono e, quando diminuiscono notevolmente, scolare la frittura.
Non salare mai prima che la carta assorba l’unto della frittura.
Non coprire mai la frittura prima di servirla per non compromettere la croccantezza.

Procedimento:

Lavarsi bene le mani con acqua calda e sapone.
Preparare la farina a fontana e al centro porre il lievito precedentemente sciolto nel brodo o latte tiepido, il burro ed il sale.
Impastare tutto per ottenere una palla di consistenza simile al pane.
Lasciare riposare in una terrina avvolta con una copertina di lana per due ore.

Cottura

Scaldare l’olio in una padella.
Prendere dei pezzetti di pasta con le mani e formare delle palline di circa 2 cm di diametro, quindi friggerle in olio bollente.
Quando i coccoli saranno gonfi e dorati, scolarli e metterli ad asciugare su carta da frittura.
Adagiare i coccoli su un piatto di portata e servirli molto caldi e leggermente cosparsi di sale.

.

Ingredienti e dosi:

  • Brodo o latte : 200 gr
  • Lievito di birra: 1 panetto
  • Sale: 1 cucchiaio raso
  • Burro: 40 gr
  • Farina: 400 gr
  • Olio per friggere: 1 litro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia