Saper leggere le etichette alimentari: per essere consapevoli dei grassi, degli zuccheri, del contenuto di sale e delle calorie che abbiamo deciso di ingerire.

Oggi è più facile mangiare sano ed avere il controllo delle calorie, dei grassi, degli zuccheri e delle sostanze con le quali ci alimentiamo. Dal 1982 è obbligatorio esporre sulla confezione di ogni prodotto alimentare l’elenco degli ingredienti, il peso, la data di scadenza, le modalità di conservazione e le modalità di utilizzo cottura, il nome e l’indirizzo del produttore, il luogo di origine, il numero del lotto e l’evidenza degli allergeni che possono provocare allergie nei consumatori, come il glutine, le uova, la frutta secca, il latte, i crostacei, ecc.

Le informazioni nutrizionali devono indicare per 100 g/ 100 ml: g di grassi – g di grassi saturi – g di zucchero – g di sale – kcal

 

E’ opportuno imparare a leggere anche gli additivi contenuti nei cibi, perchè possono causare danni alla nostra salute e allergie.

Preferire le conservazioni naturali: sott’aceto, sott’olio, sotto sale, in salamoia, oppure affumicati ed esiccati.

La sigla “E” riportata sulle etichette indica la presenza di additivi chimici approvati dall’Unione Europea.

Gli antiossidanti della Vitamina C, come ad esempio l’acido ascorbico E300, prolungano la durata degli alimenti ed ostacolano l’ossidazione che si forma al contatto degli alimenti con l’ossigeno, impedendo così l’oscuramento degli alimenti, senza provocare danni alla salute.

I coloranti producono il colore desiderato. Per alcuni alimenti, la legge italiana ne vieta l’uso come l’aceto, l’acqua, la birra, il caffè, la carne, il cioccolato, l’olio, il pane, la pasta, il pesce,il riso, i succhi di rutta ed il vino. I coloranti che non hanno effetti particolari sono quelli naturali come il betacarotene, la barbabietola rossa, i carotenoidi e la clorofilla. I coloranti azoici possono provocare danni alla salute ed allegie.

I conservanti come fosfati contenuti nei gelati, nei budini e nel prosciutto cotto possono provocare l’osteoporosi;

i conservanti come nitrati e nitriti di sodio e potassio E249-E252, contenuti nelle carni conservate e nei salumi, possono provocare malfunzionamenti alla tiroide;

i conservanti come  solfiti, contenuti nei crostacei, nella frutta secca e candita, nei funghi secchi, nel vino, possono causare asma e orticaria.

i dolcificanti utilizzati in sostituzione dello zucchero in bevande, possono essere di origine chimica, come ad esempio aspartame E951 o saccarina E954, Preferire i dolcificanti naturali come il miele o il fruttosio, il destrosio, il mannitolo, il sorbitolo e lo xilitolo.

gli esaltatori di sapidità servono per esaltare il sapore: le sigle sono comprese tra E620 e E625, ad esempio il glutammato monosodico è E621. Sono contenuti soprattutto nei dadi da brodo, nella carne e verdura in scatola, nei salumi, nei prodotti congelati, nei prodotti liofilizzati. Possono provocare danni alla salute ed allergie.

Saper leggere le etichette alimentari significa non lasciarsi ingannare dallo slogan e dalla pubblicità ingannevole, che riescono a far sembrare cibo sano uno ricco di colesterolo ad alto indice glicemico.

Pochi sanno che non è casuale l’ordine degli ingredienti riportati in etichetta: devono essere elencati in ordine decrescente di quantità, cioè al primo posto deve essere indicato quello presente in misura maggiore, e poi quelli presenti in misura inferiore rispetto al precedente. ( Se ad esempio, in un succo di frutta all’ananas, il primo ingrediente è lo zucchero, poi l’acqua, poi i coloranti e poi la frutta, vuol dire che si tratta di una bevanda  a base di succo di ananas, ma che contiene più zucchero che frutta.) Purtroppo vi è solo l’obbligo di indicare gli ingredienti che compaiono nel nome e nella foto del prodotto, senza l’obbligo di indicare le dosi di tutti gli ingredienti. ( per esempio a volte nella confezione compare un ingrediente, per attirare i consumatori, che se andiamo a vedere è contenuto in % bassissima).

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia